NoiArts Home Fotografia Pittura Poesia Links News Contact Guestbook
Stefano Dovier Teti ha pubblicato con l'appoggio di Sogit e sponsor di amici, un libretto di poesie "Sghiribissi" con fotografie di Luca DeCorte. Tutto il ricavato andrà in beneficenza. S.O.G.I.T.  Centro Multistampa, Cervignano del Friuli, 2006
Libri di poesia in "graisan" a Grado se ne stampano sempre e a cadenze anche ravvicinate. Di antologie storiche, che raccolgano la produzione poetica dell'Isola d'Oro dagli inizi ai giorni nostri, probabilmente questo libro però è uno dei primi esempi. È una selezione strettamente personale, che riflette gli interessi e le curiosità letterarie del curatore, Marco Giovanetti, anch'egli gradese, studioso, critico e romanziere e perciò nello stato d'animo migliore per comprendere e selezionare le poesie da includere in quest'antologia. Giovanetti ricorda una frase di Biagio Marin, "tutti poeti a casa mia", emblematica della propensione quasi collettiva alla poesia della gente di Grado. Una frase che è la conferma di questa attitudine e che viene analizzata storicamente anche nella prefazione di Giancarlo Re. Questa silloge, arricchita da alcune foto di Nico Gaddi che si sposano perfettamente con lo spirito poetico di alcune composizioni, racchiude oltre un centinaio di poesie e ne presenta gli autori, dal tardo '800 ai giorni nostri, con un breve cenno biografico e bibliografico. Le poesie scelte, in grande maggioranza in dialetto gradese, hanno tutte la versione in italiano. E anche così conservano, quasi tutte, la forza e l'espressività della versione originale in dialetto gradese.
“A Teti Dovier il premio per la poesia” Per la poesia il trionfatore della seconda edizione del Festival dell'arte è il gradese Stefano Dovier (Teti) che ha dimostrato, come ha spiegato nella motivazione la giuria, «grande ritmo interiore ed essenza di appartenenza alla propria terra con l'uso magistrale del dialetto». Dovier, «descrive il quotidiano del pescatore, la bellezza del mare ma anche il travaglio, il pericolo, le sconfitte a cui, però, nessuno piega il proprio sogno di andare oltre». La giuria composta da Marianna Accerboni e Giuliana Griselli di Trieste, Gianni Mazzei di Cosenza e Loredana Marano di Cervignano, ha classificato al secondo posto l'udinese Marina Toffolo «che riporta il dissidio interiore, di cui ogni individuo vive» e al terzo Vieri Peroncini di Cervignano «che interpreta in modo originale la vicenda di Ulisse». L'iniziativa organizzata dall'Atev, l'Associazione esercenti e villeggianti di Grado presieduta da Guido La Raja, si è snodata attraverso esposizioni e incontri tra gli alberghi Astoria e Fonzari, l'osteria da Filomena e i Giardini Marchesan. La stessa ha goduto di vari sostegni e collaborazioni come quelli del Comune e della Pro loco e di operatori turistici e associazioni tra le quali Grado per Grado che ha donato due premi (piatti artistici realizzati dall'artista Johnny Cester).
BIANCO ZE’ GRAVO  Bianco a l'alba al palù s’hà vestìo lisiero caligo coverse al gno nio. Zè zà i primi fridi e la brosa pitura quei bianchi repari co’ massa primura. Al sol che a levante par che'l ciapa fogo vanpisa de luse su duto al maroso. Comò de le scusse pusai zè i corcai su lame che par dei laghi giassai. Zè duto un mistero sto logo inbiancao comò maravegia me resto incantao. Zè fele de acqua e ninte se move per fin al canpanil ‘l hà ferme le ore. Zè proprio un bel quadro creao da un maestro siguro’ l hà fato int’ un zorno de estro.
CAPELONGHERA Sola ‘nte la mugia a tirà su la sena, reumi e mal de schiena, ormai i zè de famegia. Ma tu no tu bàuchi, t’ha de inpinì la cova, perché a casa tova t’ha i figi a pansa svoda. La buora la te tagia, lama ‘ntel butìro, ‘nti ossi la và in ziro, comò broza giassagia; e la te resta drento, co’ i ani senpre pezo… quel fior ‘l deventa grevo, gobo ‘l và ‘vanti lento. Tu varavi dào la vita pe’ sassià le creature, sfidando ole e zornade dure, vogando tu ‘ndivi sita, ma in cavo un pinsier costante: << figi mie ‘nde a scuola senpre, studiè e slarghè la vostra mente pe’ no fa ‘na vita cussì pesante>>
CALIGA’ E NIO Vardo l’infinìo e s’inpigia ‘l mondo, ragi che i caressa Dio, intel sielo del dosso biondo, e i vogi i resta là, incantài comò ‘na mare cô la varda ‘l sovo fantulin, no zè amor più grando… e pur al tenpo al pol ganbià destìn. Comò ‘na caligà d’inverno, zè la vita, la sgrafa , la te segna sensa passiòn, ma cô tu và ‘ntel repàro e tu vighi i ninbi niri verzese… ah! co beli i riflessi del sielo ‘ntel mar grando, co bela la vita! Zogia e lagreme comò luze e ninbi, mare e figio comò nio e caligà.
ACQUA BASSA Ninte ganbia, ‘ntii vogi dii oltri, duto ganbia, ‘ntii vogi tovi. Zè le picole monade che nissun le veghe, de quele picole monade al gno orgolio ha senpre sede…. Semo zovene mansiuni che vivemo ‘ntele lame, co’ la brama del mar grando… de l’inmensitae se ha fame. Ma vivendo in aqua bassa, se cognosse la misura, perché ‘l fondo tu lo vighi e de tocalo tu ha paura. Semo grevi de pecài, drento scorsi de incertesse, stele che ‘l sielo nol veghe, ma ‘ntel mar….le dize messe.
VECIO SGABUSSIN Hè un logo, ansi un sgabussin, che’l varda a levante, no zè ‘nà stansa inportante, al vien uzao comò magazin. Al sol lo baza, ala matina e riotolo al s’indora, la polvere la sbola, tra strafanici, scatole e farina. Duto se anema in quela picola stansa, al sumigia a ‘nà vecia cuba, che duti i ghiteva roba e i veva paura, ma co^ se ‘ndeva a scondese, gera possansa. Infondo… al zè comò i veci stari, co’ vien zente, nissun lo veghe, no l’hà pretese, ma ‘l sconde tesori, che no hà “pari”. Memorie storiche, del tenpo ‘ndào, zogeli fati de fantilin, storie contae ‘ntel sinisin in quel sgabussin senpre serào.
VOLESSE BEN Liziero ‘l caminà cô i oltri te vol ben, al sielo più seren, par duto un biavizà. Al sol se leva prima, al mar ‘l ragia per tu, travagi no zè più e’l cuor no l’hà più zima. Cô belo sintì l’amor, caresse de provensa, che porta la semensa de paze e de calor. Tienlo ‘ntel bonbazo, zè un dono delicào, che te l’hà regalào, col sovo brimo bazo. E no dezmentegà del sal de le so’ lagreme, scoleli ‘nte le gramole, che i sà zà ‘ndola ‘ndà.
VOGA FIGIO  Siia figio mio, che la barca hà massa ‘nbriva, voga pian sensa fadiga, che lontàn zè ‘ncora ‘l nio. Siia figio mio, che la note la zè bela, duto int’un co’ la batela in ‘sto nostro grando lio. Ferma ‘l remo figio mio, sinti ‘l mar comò che’l ragia e le ole inte la spiagia, le favela col cuor mio. Voga ‘desso figio mio, che’l Creator ‘l zè che’l me ciama e speciào in quela lama, vego duto ‘l passào mio. Zè rivào al gno ponente, ma per tu zè un’alba nova, sburta forte, issa la prova, scugnùo ‘ndà contro corente.
TU GERI RIVAGIA Tu geri rivagia comò ‘na merla ‘ntela gno rama, tristessa pena passagia, osela che’l fior la brama. La bava ne feva conpagnia, sfiorandone i pinsieri, comò petali lizieri, la caresseva la to’ pele valìa. In comuniòn se gera, comò la spiga el gran che’l sol li baza pian int’una lenta preghiera. Ma un alboro belo, de rame in fior ne ha a miere e gola ‘l fa ale fringuele, che dute lo vol velo. L’estae passagia int’una refolada, la merla, mai dezmentagagia, ‘nte l’alboro, però, solo ‘na zigala el rimorso de ‘na storia folagia.
GIOSSE SETENBRINE Le cage zò frede le giosse setenbrine, le hà 'l savór de mosto... de vigne, qua, visine. I brividi te ciapa, i core pe' la schièna, e zà tu pinsi al fogo che'l stiopa pe' la sèna. De qua un poco al quarnerasso al portarà sussiài, e a lài al para via i zurni solesài; e drento le guìne se cassaremo 'ncora, spetando zurni coldi e zogia che devora.
FIGIA MIA Figia mia, lagreme e vogi a l’infinìo, int’un silensio valìo, al sogno al par svanio. Ma un àlboro col cresse, al ganbia foge e ‘l slonga le rame, sercando nove brame e aqua dolse pe’ fai caresse, e tu int’un cantòn squasi spazemagia, comò un glisine strenta a quel cussìn, sercando Gesù banbìn, pre ‘nà speransa valizagia. Cresse zè comò un barco in mezo ai siùni, al vento ‘l te tagia, le ristie te pesta, zè un cuor in mezo ala tenpesta, che’l vien segnào de tanti sgrafuni. Ma no tu sarà mai sola, anche se fulignào e vecio staro, in me tu catarà senpre un faro, un’ala che te coverze e te consola. Figia mia, figia mia, ultimo fiào de la gno vita, no stà ‘vilite và ‘vanti drita, …t’hà scuminsiào a fa la to’ ssia.
SOLO UN NEMBO GRIZO Al crià ‘l me riciama int’un mar che’l par foresto, ni cuguli, ni levade “presto”, ni cape ‘ntela lama. E pur semo freli, se vemo amào e odiào, comò ‘na sima se vemo intressào catando pinsieri beli. Hè navegào co’ tu, ‘ndola l’orizonte ‘l finiva, in ponta la prova o soto stiva al gno amòr tu geri tu. Ma ‘l tenpo al n’ha diviso, no hè più ‘l sal ‘ntii lavri o conbate ‘ntii sirocali, zè restào solo un nembo grizo.
SE ZE’ UN NEVERIN Che sensassion l’amor, vivela a boca verta, strenzelo sensa timor, par squasi ‘na coverta. Al te fa boge ‘l cuor, desmentegà ‘l presente, solo ela ‘ntela mente, el sangue te va in fior. Ma se ‘l zè un neverin, tu te issi macolào, de dolor al cuor spacào, de tu nianche un guciarin. Comò un sirocal, che’l desfa mote e dossi, zè ‘l corso de la vita, scognuo zè fasse i ossi. No zè bicer che vanta o buzie che stropa i vogi, t’ha de catà i tovi loghi anche se forsa ne vol tanta.
SOLO VELA Comò podè dezmentegate se sento ‘ncora ‘l tovo dolse odòr, se strenzo tra le mane ‘nà promessa comò che fa la bava intorno al fior. Tu son al miel de la gnò vita, la bava fresca che me basa ‘l viso la luze inte la rogia del narciso che dà luzòr a ‘nà figura sita. E pur zè zurni che tu và lontana sabiòn che no se riva tignì in man, rapìa de vogi persi in tramontana, che i veghe la so paze più lontàn. Voravo esse co’ tu in quii muminti pe’ esse finalmente ‘nà roba sola, me, pala del timon ‘ntele curinti, tu, man che strenze forte la rigola; ma me contento d’esse solo vela, che tu la issi o cala a to’ piasser, pronta pe’ portate senpre in tera, cô tu và via,de ela, col pinsier.
AMBRA Savè che tu me lizivi, pre me, gera un onòr, parole carghe de colòr tu me regalivi. Son stào a boca verta, sintì del tovo sbolo, fiòr che ha lassào al brolo nuo, sensa coverta. Tu son rivagia comò bava liziera, ‘nte le gno puizie, senpre in ponta de pìe, la tova critica la gera sincera; anche i tovi quadri ciacoleva pre tu, carghi de forsa e de femene vere, quela grinta graisana, cofà le pititele, la zè sparia, anche co’ tu. Ciao Ambra
SIORA MARIA STIATA Resto senpre meravegiào veghe zente che se presta, cô i mamuli i fa festa, int’un mondo arcào. Zente co’ semensa bona, i regala tenpo a duti, fantulini o visi bruti, al so’ fa nissun lo doma. Me vien in cavo Maria Stiata, femena de tenperamento, pre i mamuli un vero esenpio, la bontà…’nà dote “innata”; e la sigheva e la canteva e la fazeva gianda, coi mamuli intorno comò girlanda, nissun la vanteva. ‘Desso con l’etàe che dà tormento, la zè ‘ncora là, coi fantulini, comò ‘nà ciossela coi so’ pulisini, soto l’ala de un amor inmenso.
SENPLISSITA’ ZE’ FELISSITA’ Me magonevo de rie, cô i me feva le tacurigole, creevo de ‘vè un mier de formigole, soto ‘l scagio o ‘ntii pìe. Gera pochi i muminti de stà in sieme in famegia, pareva de stà ‘nt’una regia, co’ gno mare e gno pare cuntinti. Basteva poco, un giosso de amor e quel nio deventeva un tesor che’l tenpo ‘l pareva roto. Gera tanta senplissità, l’amor se sintiva a pele e le foto, pur zale, le zè ‘ncora bele e vardandole le te invita a sognà. Senplissità, cô difissile a dila, vardemo solo ala lira e no ala felissità.
FANTULÌNA RIÓSA   Fantulìna mia…….. tu, che tu vardi a ponente mostra col dèo al sol quel sol che ‘l scolda l’anema de la zente. Puta bela, ‘ncora in fiòr sogni che in cavo te vansa, tu che de vita t’hà un’onsa, riòtolo t’hè vanpa al cuor. Dolse anema rìósa, ‘ntei vogi la luse t’hè indòra, un zorno femena amoròsa che un omo t’hè farà sposa.
PORTO Note de luna in cavo, pipando me cato in riva ‘l molo, logo de frontiera ‘ndola i sogni i lassa la tera. Piere suàe col siroco e bite fassae de sime, barche ligàe vissine comò fossa un’ unico toco. ‘Nte l’aria salmastrina, sbola echi lontani, ‘ngiutii ‘nti calighi furlani che i se perde ‘nte la marina. Porto, logo de ‘ndà e tornà, casa de duti quanti e vive zè navigà. Memoria de onbrìe passae, fate de ordinade forti, semensa de lontani porti; ‘desso ingrati…..le vien folàe.
FILI, TE RECORDO CUSSI’ Anema sbatùa ‘nte le curinti, sensa vela e sensa rigola, omo col fiào strento ‘ntii dinti, ‘ntel mar grando sfidando la ola. Vogi de oriòn, senpre lustri pe’ l’emossiòn, cavo agerào, che’l brama cansòn, te recordo cussì, figio de Gravo e del fondào, de amor senpre malào, ma solo…perché te ‘ndeva cussì; e solo tu son svolào, verso un sielo sensa fin, sercando to pare, pe’ stai vissin e un amico pena mancao. Za tu me manchi…mamolato, me manca al rie de smaferoto, me manca quel disco che’l s’ha roto e tu me manchi tu…cô tu fivi ‘l macaco. Ciao Fili….amico de duti……………
MIRACOLO Cò picolo zè ‘l mondo In tanta inmensitae, cò poca zè l’etae se ben tu sta in sto mondo. No zè infinitae, se tu và savariando, te par un logo stranbo, tra sogno e realtae. Ma semo nati singani, de anema, cuor e fede, de novitae se hà senpre sede, anche a sento ani. Zè cu vol esse eterno, cu stufo zà de vive, zè cu serca le strighe ‘ntel cuor l’hà senpre inverno. L’eternitae zè un atimo, fato de “obiettivi”, se tu, tu li distrighi, paze…t’hà fato ‘l to miracolo.
LE LENGUASSE Quante volte che se sente coi sputàna oltra zente, quele lengue no le hà frèn e le spùa tanto velèn. Zè cu conta, me savevo e cu dize me sè peso e perfin anche i amici i diventa to’ nemici. Me se solo una roba de la zente che sputàna, 'na metà la zè cativa, l'oltra invesse zè rufiàna. No se sà, cu sarà stào a contà quela versiòn, ma siguro no zè stào cu intel specio al s’ha vardào. Quela zente che subisse queste brute umiliassiòn de siguro le zè megio de cu conta la versiòn.
FIOR DE SARIESER E torno in quela strà col cuor e col pinsier, e’l fior de sarieser nol zè restào a spetà. Lontana la semensa de quel alboro belo, che la zè ‘ndagia in sielo sensa catà violensa. No l’ha bagnào co’ lagreme un fogo distuào, tenpo no l’ha ‘vùo… la veva al cuor malào; a me, piaze pensala, coi petali ‘ncora ciari, in quii muminti rari, la vita gera un’ala.
FANTULINI  ….e vardo i fantulini zugà, zogia che la vanpa ‘ntii vogi, fiuri che no cognosse culuri mogi, nuoli che nissun vento sfà. Zè liegre canpanele, che sona ogni zorno a festa, al so’ rie te neta la testa e i pinsieri deventa silize bele. Zè senpre un sgrizolèo in famegia, comò anguele in marina che le bogola sul razo de mantina, portando melodia in ogni oregia. I zè al sal de la vita, dii vogi la luze, int’un bieco, al filo che cuze, la voze del cuor che no la sta mai sita.
SOLO ‘NA RESTǏA  Se sente de lontân… par squasi ‘na voze roca, ma zé gargossa oltro… …la vita se fa fiôca!... Missiâo co’ le lagreme resta solo fango, resta vogi svodi e un silensio grando. Solo ‘na restĭa vignùa squasi del sielo, ha distuâo speranse int’un paese intiero; l’ha portao via le pǔpule e duti i soldatini, a lai surisi e sogni de tanti fantulini; l’ha portâo via quartieri, boteghe, cese e scuole, coverte anche le viole cressue pre i sentieri. Solo ‘na restĭa ha distuâo pre senpre al sol de ‘l zorno novo spetâo de tanta zente.
DO LIGNI IN CROZE Do tochi de legno Inbunbii de sudôr, do tochi de legno inciodâi pre amor. Passai milanta ani ancora i dá sostansa, ‘na croze ‘ntii travagi la te pol dà speransa. Un giosso despressagia de le nove “crociate”, oltri zè rivai, de tere e guere ingrate. Ma de bonora in barca ‘ndando verso ostro, se segnemo ‘l peto disendo ‘l Padre Nostro.
DE MANTINA De mantina bonora, zè un’oltro vive… Se sente i useliti ‘ntii repari, al bogolà del pesse ‘ntele rive e in lontanansa, nuoli che bala a son de spari. La broza te conpagna, in quel antigo mondo, rumor de novisse in primavera, oseli piturài co’ bela siera, e zà i culuri i canta un novo zorno. E me me ingavono de tanta armonia, bagiante in mezo a corcaline, che nol zè de “parvense” fine, ma ‘l cuor lo ha megio de tanta zinìa. Zè belo podè vive in paradiso, più belo ‘ncora cô tu son vivo, basta poco, …de l’ossessiòn esse schivo e zà la luze la te inpinisse ‘l viso.
COMO’ UN CAVION Comò un caviòn portào del corso, stevo puzao ‘ntela riva, vardando i levusi che pian i se despugeva. Pensevo a quela volta che a vogi verti t’hé sognào, riflesso lontàn, sburìo ‘ntel caligo, ma ciaro ‘ntel cuor. E penso a tu co’ l’ala verta, pronta a proteze ‘l nio, fior sfiorio e ormai vilìo int’una rogia squasi munia. Dolse ruosa, vogiosa de aqua nova e de broli piturài de amor, assiò possa ancora vive al tovo cuor. ‘Voravo strenzete, bazate, e co’ le lagreme bagnà le tove radize, date ‘ncora la vogia de amà l’infinio, pre tornà, danovo, zuvini ‘namorai… Tu co’ le ale verte comò un nuolo tu svulivi e me tera arsa, là a spetà la dolse piova, quela che dà vita a ‘na semensa, quela che l’amor… no pol stà sensa.
COI VOGI IN SIELO Comò ‘na scrita ‘ntel sabiôn, lassemo la tera natìa, basta ‘na restìa e’l mar ‘l te ingiote sensa magôn. Se và de qua, se và de là singanando, cu sercà fortuna, cu sercà la luna, cu vol solo remengando. ma ‘l sangue al boge de note vardando stele foreste, sercando siuni e tenpeste o canele puzàe ‘ntele mote; e ‘l sernelo al core stieto ‘ntela zoventù azerba, ‘ntii repari bianchi, sensa erba o ‘nt’un pagiòl inbunbìo cofà de leto. Issemo la suca sercando Michele, chitare no sona in mezo la zente, zè visi intristii che no i dize ninte e ninche ‘na sima che vanta batele. E pur metemo radize, fior de tapo in are nove, in cavo però solo le tove fate de sabiòn e mote grize.
BRAGOSSI DESMENTEGAI Do bragossi puzai là inte la séca in Panpagnola, gera barche de sabiòn che le 'ndeva fin a Pola. ‘Desso le vegheno scarne le ordenade le vien fora e la chilia ormai tabaco la se disfa con la buòra. Marinèri duti fieri sù de ele i navigheva cò burasche e tenporàl al salmastro in boca i vèva. Quanti mari navegài quanti porti zà salpài quante storie che i hà drento quei fassuni carolài. Me le vardo in riva ‘l molo e me par che le me ciama perchè forse le vol dime che son un'anema graizana.
L'ANEMA DE GRAVO E serco 'ncora l'anema de Gravo, int'un paluo che'l tenpo là ganbiao, al riva comò aqua de montana che la strassina via duto int'un fiao. Zè un patimento veghe intel stradon, che l'anzolo zè mezo sofegao, de trapole int'un nio duto 'sfaltao e grù che issa 'ncora costrussion. Ma 'ndola tu son 'ndagia anema "mia", che zogia tu me divi intii maruzi, e i nuoli che in corona 'ndeva via, comò che fossa un ciappo de muruzi. Te serco comò 'l mar serca le sture che 'l corso pian le peteneva, sparie comò 'l ponente inte la sera sensa lassà nianche sfumadure. Me sè che tu son viva e per catate, lontan me toca 'ndà del dosso biondo, 'ntii cuori de quii mamuli persi 'ntel mondo che i se 'ndormensa pe' podè sognate. 
          MADONINA MIA …e me te vardo ‘ncantào, cô ‘l dosso ‘l sgrisola, vissin de tu nâsse un’oltra isola, che’l Creator no hà ‘ncora piturào. Dolse anema mia, cô i corcài in bandiera i te corona, in quel barco, fato pre tu, Madona, i gno pinsieri, co’ ili i sbola via. No zè tignùe pre la gno comossiòn, te vardo ‘ncantesemao, e sbasso i vogi…emossionao, vignindo a rente, co’ tu in processiòn. Oravo basate e ciacolà co’ tu, ma son un’ anema picola, e la gno fede la zè massa ridicola, che oltri, tanti oltri i hà più bisogno de Tu. Ma son contento ‘desse graizan, anche, solo pre dì…Madonina mia! Perché a lefè te sento mia, sensa sintìme un rufiàn.
RII Rii, pìni de aqua fresca de mansiùni lôve, in boca le côve de cugùli in festa. Rii, che i se ghèta inte’l canàl comò piova inte le rôge ma zè aqua sensa dôge che la spèta ‘l sirocàl. Rii, nùi co’ la dosàna pàr bisse ‘nte’l palùo che i segna ‘l fango nùo, cunào in tramontàna. Rii, le vene de’l fondào che no’ le cata zôgia, le hà perso anche la vôgia del grando mar salào.
ORTENSIA Al corso l’ha cunào un fior de furlanìa, che co’ la corentìa, ‘nte’l dosso ‘l s’ha puzào. L’ha lassào la sèsa e dute le so’ radize, pe’ sercà in ‘ste are grize ‘na granda cesa; Zè un fior de speransa, un fior pien de fede, che’l pelegrìn la beve e a l’anema i dà sostansa. No zè un fior de mete in credensa, assiò che’l fàssa aria bona, zè ‘l fior pre la Madona, co’ un nome senplisse……ortensia.
IN SIMISTERIO Cognosso massa zente in simisterio, e digo tra de me: …poviri ili!- pensando de stà sul nio in eterno, anche se ‘l grizo ha zà tinto i gno cavili; e rìo pensando ai tinpi ‘ndài, cô geremo creature, le amie che le ne conteva storie de paure, e noltri, comò sensài i ‘ndevemo a lai. A ogni d’un che cognosso, me segno fronte e peto, a gno cuzin, sbolào col cuor ‘ncora neto, i caresso ‘l viso ‘ndando via comosso; e vago vanti e oltri che i me speta, e ogni d’un zè un gran de ‘na corona, fata de amici e oltra zente bona, comò che gera, pre me, la siora Beta. La se fermeva, senpre la de gno mare, in chiosco, a favelà del mondo, ma ‘l sovo Gino, i sboleva senpre in torno comò un corcàl che nol lassa mai le sove are. E vago vanti in serca de gno pare, in quii palassi, ‘ndola và la siniza, monolocài, co’ siera griza, stivài a d’un a d’un aneme care. ‘Na volta se dizeva: -vago a mitili un fiòr!- ‘Desso nianche la tera ha colòr, solo ‘na foto, ‘ndola che’l rìeva; ma voltri se la strà de la gno vita, comò qui rii che segna al palù, co’ la dozana, ve se veghe de più, co’ la cressente se ‘ntel cuor de tanta zente. Teti
CANTA’ ZE’ TRADISSION No zè un’etàe pre cantà, zè cu che canta senpre, zè cu che canta squasi mai, zè cu che canta co’ la Madona a lai. Zè un schisso de zogia, ‘na lola de alegria, al mal la cassa via lontàn de la gno rogia. Cantà te verze ‘l cuor, te fa stà in compagnia, le ore le sbola via… al scuro ‘l ciapa color; a lai vien i bicieri, la zogia la se infiama, la note zè matana e l’alba saluda ‘l geri. A Gravo cantà zè tradissiòn, zè ‘l sal de la gno zente, tu pol vignì a rente solo co’ ‘na cansòn. Teti
COMO’ ‘NA’ MARE I nuòli i passa stieti in meso a ‘nà buriana, cussì ze ‘ndai ‘sti ani… per me che son zà mama. Ma prima de mariàme e prima de ‘vè figi, la mama zà fasevo… tu vivi pochi misi. Tu son vignùa tra noltri comò ‘nà preghiera, che fa stiarì i pensieri… che fa ‘nà vita vera. Tu geri la gnò creatura o forsi gnò sorela de luse tu vampivi le sera comò stela. Al bossolo t’hà verto comò ‘nà ruosa pronta, in cavo t’hà zà al velo e me te vardo, sconta; Perché la gnò creatura la và pe’ un’oltro rio?... la ala hè dovuo verse, e pian te digo adio. Per me tu sarà senpre un toco del gnò cuor che lagramando al bate co’ tu…e al tovo amor. Teti
12
© 2014-2015 NoiArts - Powered by Michele Gereon Website senza finalità di lucro - I diritti per la riproduzione di tutte le fotografie e dei testi sono dei rispettivi proprietari.
POESIA
Stefano Dovier Teti