NoiArts Home Fotografia Pittura Poesia Links News Contact Guestbook

CANTÓN SCÓNTO

Logo indola oni crio vien coverto de dolse melodia oni lagrema insunagia drento 'l mar de la speransa. oni caressa e oni suriso deventa la luse drento 'l scuro. cantón inbusao. Al logo indola la solitae te presenta la to' anema. Cantón scónto.
RIFLESSI Che tramonto incuo, tu rivi veghe al mondo drento 'l mar. Un oltra dimension, la tela de un pitor. I culuri de la gno tera caturai drento de l'aqua, indola le restie par che i daga profondità a una sgarsa  che se specia. Riflessi, riflessi de una tera cagiua. Un oltra dimension. Indola finalmente la pol sintisse senpre nua.
INCUO Foge che cage e figi che cresse destin de 'sto nìo cressuo a son de pesse Paese de sol, pensao sora 'l sielo scuminsiao int'un  nanbuol e finìo drento un burcelo .
LA STURA E 'L GRANSO Son qua per tu....... colpa 'l destin Comò un passpartù, a rosegà anche l'ultima tracia de morbin. Verse quel scorso, serao ben strento. Vardà se rivo giossa a giossa, magnate drento. Al peso granso, al più cativo. Quel che decide se al doman....xe morto o vivo!   E che tu pinsi, bestia bastarda! Nostro signor.....m'ha fato stura. Al me ha anche scrito in fondo al scorso: " No vè paura". Verso al gno scorso, serao ben strento. E la belessa me circonda. Nissun lamento. Drento a 'sta stura, solo certesse! E al to' doman....in boca de un pesse.
28 DE MAGIO Sercarè la luse e vardarè più in alto drento de quel sielo indola t'ha catao la pase.   I darè vose al cuor e inpinirè quel blu, e sarà al più bel regalo che è mai pensao per tu.                Auguri pare
1° MAGIO E che tu vol fa de grando? Vogio solo lavorà oto ore al giorno, mantignì una famegia, sensa nissuna maravegia. Vogio lavorà, vogio deventà grando vogio la dignità. Vogio che cu che xe in alto vardi un solto sozo e i finissa sto sopruso. Vogio alsame la matina vardà intei oci al mondo e dili che son vivo no vogio tocà al fondo. Vogio restà omo no vogio cage intel scuro più profondo vogio fai una riada al mondo.
PRIMAVERA De pena stieta e de lengua sita. Tu, Primavera la megio musa. Comò 'l sercio perfeto de 'na giossa de piova drento una busa.
CALIGO A GRAVO Do zuvini sentai su la panchina de la spiagia, comò dute le sere che vardandose in tei oci, i se zura eterno amor spetando la vose del guardian, pusao de ani sora quele bianche piere in compagnia del sovo canto, all'arivo de quel "Griso Sior"   I veci, che se cata sora del reparo co le giosse de caligo, che le bagna qui tabari. E ili a contasse de un futuro visto fosco, e de un tempo, che xe stao a volte amaro e pian pianin, al "Griso Sior", che se fica drento i ossi, a impigià i ricordi de la vita de 'sti siuri.   E quele case, e quele cale in Gravo vecio, che se inamora e se comuove al passà de 'sto grisor xe questo al mese dei ricordi e del boreto pronto in tecia e de un novembre, che se presenta a 'sto gno nio,compagnao comò ogni ano, del  amico "Griso Sior"
FIOR CHE MORE Fior che serca luse, drento un sesto pien de spine Fior che no se verse, per no veghe la so fine zovene speranse  pe un doman col sielo biavo, figia de un  presente sconto sempre drio de un nuolo . lagreme che no vien sozo su quel ganbo ormai spacao co 'l suriso falso de un bruto amor che t'ha segnao. Fior, no se capisse, qual che xe 'l tovo color piturao de nero, anche 'l rosso del to' cuor.
EL BARCO Drento de un mar biavo, omini el  Barco Pescauri de oltri tinpi, nati de un penelo ancora sporco mane ,legno, vita e morte rughe e stiensere la stéssa sorte.
LE DO PORTE CALIGO NUOLI SDIUNFI DE LAGREME E DE ANEME SIELO E  MORTE DRIO DE LE DO PORTE CAMINI CHE FUMA E  FUGHERI CHE  NO SCOLDA ODOR DE MORTE DRENTO QUELE PORTE CASUNI CHE NO XE FAMEGIA, NO SE MAGNA NO SE CANTA NO SE RIE NO SE STA IN PIE SILENSIO E MORTE PROPRIO DRIO DE LE DO PORTE
AMOR MIO E prima de tu? Ninte! E dopo de tu? Ninte! Ma 'desso..... ....'desso xe un logo che no cognosse 'l confine.... ....xe 'l logo indola tu son per man co le stele ....xe un logo sensa un pareo co scrito fine.... ....xe 'l logo indola che 'l mar xe sempre in fele.... Al prima e al dopo, resta al ninte. Ma 'l 'desso xe un arcombè de mile tinte.
LA CARIEGA Lavoro in fabrica, 1000 euri al mese. Me vardo in specio ogni matina, sensa pretese. Aumenta duto, bensina costa! Gas, luse e aqua sempre più care. E per 'sto bruto mal, no esiste suposta! Ala bonora, a gratà carieghe. Cari " putinti", semo compagni, per mandà 'vanti 'l nostro lavor, vemo le seghe. Me son stufao, son indignao! Al solo pensier che è gratao per tante ore, quela cariega che 'desso tu, tu vanti strento pe' 'sta sentao.
PAURE E la vita, par comò un reòn. Gargun, al più zovene e forte, lo solta e in quel  istante, del mar, al se sente 'l paron   Xe quel invesse, che convinto che duto 'l pol, prova a passà fra le magie de le arte. Ma xe un atimo! E 'l capisse dalongo, che a pensà stièto, pol anche fa dìol.   E dopo! Dopo xe qui più veci e stanchi, che se lassa 'ndà su quele aque scure. E i prozeti pian pian, deventa pensieri. E i pensieri......deventa paure.
CUOR DE LONSERNA Una rosa che vèrse 'l so' fior   co la note più ciara se fa, co la luna.   E 'l se sera, finìo un finto amor   co la brosa lava le fogie, una a una.   Cuor de lonserna. Luse, che fa ciara una contrada.   A vende basi e frasi, o do caresse. A quel viso che mai se ferma e scolta.   t'ha piturao al sielo co un soriso. Quando anche l'ultimo lamento de la sera 'l se dirada.   Tu! Un sìon, che vol fermasse! E tu pagaravi tu, per sintì denovo, "la to' prima volta".
LA RONDINE E L'ANZOLO (e intanto i graisani i traversa al ponte) E de botaton, è sintio la to' vose, in 'ste sere. Tu son tornagia, anzolo sensa culuri. Vevo sintiminti ingropai comò aleghe tra do piere. Ma al to' canto fa famegia, melodia che compagna al versese dei fiuri.   Oh! Guardian del vento. Tu me fa dìol co' quel vardà sburìo. No vè paura, è svolao tra i nuoli, e col sielo verto per rivà intel logo, 'ndola le anime mie, ha vugiuo fa 'l nostro nìo. E 'desso tè regalao un suriso, no vè pensier, me son qua, anche se al doman, xe cussì incerto.
GRAVO IN TEL CUOR Sta note, è fato un sogno, massa belo compagnao de un corcal, vardevo Gravo, stando in sielo.   Veghevo duto, coi oci de un'oltro...   Cargo de zente, a spasso pel vial xe le Pancera che invita i foresti e i fantulini che zoga in Savial.   Vago per mar, per veghe Gravo da fora sul campanil, l'anzolo, che la fa de paron fermo là che al speta un poca de buora.   m'è dismisiao, nervoso e vilìo......   No rivo  a veghe denovo quel vial No vego l'anzolo in alto tra i nuoli e me se mete davanti al corcal   Scolteme me! Se tu pinsi, questo sia mal torna a dormì, e sogna che te compagni al to' amico corcal.
LUNA E SOL Destin segnao de tanta belessa Vilìa e calante, de amor cussì distante, e 'na lagrema de bròsa, a negà anche l'ultima caressa.   Testimuni de amor infinìo. Sielo mar e tera. Soridente e luminosa, pronta sempre pe' esse sposa. Ma giusto un sguardo...e quel risveglio xe sà sera.   Amor grando!Ogni volta che 'l tempo t'ha vugiuo vissin de ela perchè 'l tormento, sia un ricordo e se rafforsi 'l sintimento, per sintite meno sola, fra tu e elo..... nassarà una stela
AMOR IN BIANCO E NERO (LA PIANISTA) Xe una ciave de viulin disegnagia de un pitor su quel cuor de fantulin a firmà l'eterno amor Una fiaba in bianco e nero, al color de la tastiera. DO, se basa soto 'l sielo. Che bel timbro, a amor sincero. RE pe' un giorno sensa regno, e co quel baso i gambia sìera. MI, che nota! Verze un mondo. FA che no finissa mai quel giorno SOL, la luse, che caressa qui do sguardi e LA, col cuor, tu, tu lo vardi SI, 'sta fiaba in bianco e nero tra tu e elo xe amor vero.
VITA E 'desso mè fermao! Me sento. No è più fiao. Sta strà che la va in zoso, se ferma giusto in mèso. E' corso! Xe stao un lampo. Per vardà indrio xe tempo. Me tiro suzo stieto, e ciapo fiao intel peto.
QUATRO CIACOLE (SOGNANDO 'L NONO) Ciao nievo, incuo, te porto via co me Te porto a cognosse duto 'sto gno nìo, fa quatro passi pel reparo, la, che al mar prega al so' Dio. Te porto a spasso per le cube, a sintì la nostra storia, che ha le piere fra le fughe. 'Ndola me corevo un dì, coi amissi per zugà. Nievo, incuo, è  de spiegate, scolta mundi ben, perchè al mar xe la gno vita. Quando  'l sol sfiora al to' viso e la luna la te varda vogando in mezo a 'sto canal, i tamarisi te saluda, e un corcal te fa un soriso. Varda e impara che che xe la libertà, no 'sta esse mai un bisato, che al fa famegia via de qua, per murì sensa nissun, su una tera poco sova. O comò qui operai, serai drento de un burcelo, a lavorà tra quatro muri, coi culuri e le emossion, serai drento de un cogolo. Prova solo a fermate in 'sto momento! Sinti ben, comò la buora te caressa, e scolta, i rumuri del palù. 'Sto qua xe 'l logo drento me, che vanto strento. Quando 'l sielo xe ormai stanco, e la luna lo indormensa, vardo in alto...penso... e lo ringrassio, per 'sto grando sintimento. Nievo, scolta 'l cuor: drento le vene, core 'l mar e al gno cuor, lo scolda al sol, e al sintimento che me resta, che anche sora i nuoli, resto sempre pescaor.   ( A GNO NUNI )
MARIONETTA Nato de una soca e comandao de un fil de spago sensa gnanche l'osso drento de la busia e del'ingano, tu son per duti al mago   T'ha venduo, 'na possibilità, Per quaranta spurchi denari co se podeva anche sognà, de vive su 'ste belesse lagunari.   Dai e dai, se frua la soca per deventà comò un burcelo Tu sa ben che che te toca, a spasso solo mussarelo.
AL POSTIN DE GRAVO Tu, un capelo, e 'na bicicleta a portai  le bone nove, a la xente che te speta.   Un saludo e un soriso rivao in te la porta. -Co belo al to' giardin, e co grando al tamariso e la vecieta co' amor la t'ha za prontao la torta.   Desso i se move solo a motor, i ciacola duti, solo al 'talian me resta al ricordo, a malincuor rivogio de novo al postin graisan.
GRAVO IN TEL CUOR Sta note, è fato un sogno, massa belo compagnao de un corcal, vardevo Gravo, stando in sielo.   Veghevo duto, coi oci de un'oltro...   Cargo de zente, a spasso pel vial xe le Pancera che invita i foresti e i fantulini che zoga in Savial.   Vago per mar, per veghe Gravo da fora sul campanil, l'anzolo, che la fa de paron fermo là che al speta un poca de buora.   m'è dismisiao, nervoso e vilìo......   No rivo  a veghe denovo quel vial No vego l'anzolo in alto tra i nuoli e me se mete davanti al corcal   Scolteme me! Se tu pinsi, questo sia mal torna a dormì, e sogna che te compagni al to' amico corcal.
VITA Xe comò un nuolo che passa, tu nassi, tu crissi e tu ciapi al so' posto, comò che ninte fossa.   Xe amor, odio, gioia e tristessa Xe imparà e insegnà sercando sempre, al megio che se possa.   Al cuor che va a domila, pe' n'amor e doboto che 'l se ferma provando un gran dolor.   Xe una mare, che basa la creatura o un pare che i spiega al figio che a volte la xe dura.   Xe veghe un nono, a manina co so nessa o una nona che i conta al nievo sovo, che la xente de palù, no xe proprio più la stessa.   Xe un granelo de sabion, drento una spiagia, xe un usel, che fistia e svola la matina, e xe tirasse su dalongo, co te par, de vela sa sprecagia.   Xe vardà un amico drito in viso, e rivà dili che la torto, tornà a casa stanco, dopo un giorno de lavor sintì col cuor la to' famegia, fai un soriso, anche se duto xe 'ndao  storto.   Xe un gran regalo, che co amor xe stao donao, apressa sempre sia col tempo e co l'età spieghelgio sempre ai figi, anche se desso al mondo gambiarà.
ARIA NOVA Sa issao al vento.....tuni e lampi xe che scampa duti quanti   al sabion che riva in viso. Vara in sielo che bel griso   de qua un poco piovarà, e aria nova rivarà.   Finalmente se sta frischi, e xe 'ndao casa anche i tidischi   E in tel gambio de stagion tornarà anche la ragion.   basta fiuri, e feste in piassa rivarà una bruta rassa.   Qui che Gravo no i tien drento, ma i lo smerda, col cemento   Tiraremo fora al petto: CASA NOSTRA TRATELA COL MASSIMO RISPETO!
PESCAOR Lìga sta corda, vanta sta sìma stieto compare cussì semo a casa prima   La buora che scava qui signi sul viso ogni ruga, xe un ragio de sol drìo de un sielo griso   Sti trati tel corpo i ha visto tramontana e sciroco ma avanti lo stesso fin che no xè cargo al saco   Giacomo, Elio, Berto e Maurisio e cu sà quanti oltri, podaravo nominande fin al prosimo solstisio   ili ormai xe 'ndai per oltri mari qui che no xe torna indrio gnanche per un quintal de fasolari   E vardando soso ancora, tra un bicer e una rìada i giùti  al pescaor a fa una gran pescada   Capesante, sepe e peverasse fora in màr sempre da quando al giorno mòre a quando invesse al nasse   Se sà che xè un mestier che va a finì questo xe al canto, per sperà che 'sto lavor antico no vàga murì
ME E TU Vardeme, son qua per tu. E 'desso strenseme, un cuor lìgao tra le do aneme, sensa nissun intorno, baseme. Anche se questo nostro amor, xe ancora massa xovene. Un giorno insieme sul'altar, a spetà 'l momento de cognossese. Una caressa sul to' viso semplice, te è  dito te amo, e no gera una parola facile. Xe stao muminti che i gno oci veva solo lagreme, e al nostro amor, no ha visto mai  un momento fragile. .....Eh scrivo te amo in 'sto gno sielo..... ......perchè duti possa leselo.......
MAI MOLA' Strinsi, strinsi  i dinti cùri avanti co la mente no, fa vinse i to' laminti   Vissin de tu, t'ha 'l tovo fruto, al cuor i xe vèrse, co un suriso no fai veghe al muso brùto.   Sèra i oci in sto momento e varda a gèri, a quel novembre Co t'ha provào quel sentimento   Tu gèri tu a insegnài la vita, fièro pàre de to figia e desso, per amor, la te giuta, stando sìta   I figi, co i xè crature, i veghe al pare comò un Dio e desso tu, no dài torto Dimostreli ogni giorno, che xe giusto al pensiero mio.
AHIA, CHE DIOL! Sighi e urli stropai per sintì ben,tappè le recie e versè al cuor -Li gheta zozo duti. E no i xe malai!!!   I distruse duto, sensa sintimento per trasformà l'isola del sol in t'un blocco de cemento   I alberi cagiui, i tàse rasegnai e le piante, quele in pie le fa un rumor sordo, ma no le rie   pecào de Dio, che al graisan stà muto e sconto e in cuor mio spero ben che prima o poi, la natura, la presenti al sovo conto.
POESIA DAL FRONTE Te vogio sintì 'ncora una volta, giro i oci verso de tu, e al to' profumo, par 'na ruosa pena colta che me riporta ai ani del palù La domenega, do cuori a spasso pel reparo, man in te la man a fa cresse un'amor che ormai xe raro, e a fa prozeti pel doman. Xe rivao la guera, femena mia, devo 'ndà ma tornarè amor mio, no ve pensier. Al zorno che al to' omo al so cuor te verzarà saremo me e tu, a scoldasse strinti strinti, davanti del fugher.
FIABA Bagnae del salso radise profonde, ligao a una tera del sol caressagia. Vardo qui loghi, e, in silensio 'scolto le onde, me torna in mente una fiaba passagia.   Al tamariso pian pian al sovo seme ha ghitao e quela fogia cressendo lo varda incantagia fin che la luna no sà presentao. Duti do insieme a osserva quela note stelagia.   I conta del mondo ,proprio soto a la luna e i dize tu, tu sarà al posto mio. E a la to fogia tu i contarà la fortuna de vè radise profonde, ligae a una tera vardagia de Dio
I SETTE VISI CAPITA’I Superbia, co tu spèri de esse sòra de duti, sputanando i oltri co pensieri brùti.   Avarissia, tu volaràvi al mondo, e per i soldi no esse a nissun sigondo.   Lussuria, pensieri de sesso, te impinìse la testa e càrgo de fèmene, tu faràvi sempre festa.   Invidia, Te brùsa un fògo in pèto al pensièr che un oltro abia più de tu al so' cospeto   Gola, Cargo de sède e de fame magnaravo fin a sofegàme   Ira, De un torto subìo, t'ha de pagàte per forsa anche se quel' oltro de ve al perdon se sforsa.   Acidia, vive in t'un torpòr, fermo, no volè vive o regalà un giosso de amor.
NUVISSI     Dite te amo, xe stao pre me, gno dolse amor, 'na caligà de pinsieri ingulissai tra i nuoli. Qui tòvi vogi davanti a la crose, 'na fiama in te'l scuro che al cuor i ha dao 'na vose. Do mane. Do cuori. Do aneli che se indressa per una sola bràma. Al sól saluda. Do corpi che se serca sóto de la luna.
AL FARO Solo, sora de un reparo a intonà un canto per 'sto sol busiaro. E quela colsa ghitagia de una striga sito, e nissun me varda. Ma ciacolon, e par che gnanche noi me vega. Destin de un faro che ha levao in sielo 'l sovo sigo A sercà incora quel'amico , ciamao caligo.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
FIABA
13
© 2014-2015 NoiArts - Powered by Michele Gereon Website senza finalità di lucro - I diritti per la riproduzione di tutte le fotografie e dei testi sono dei rispettivi proprietari.
POESIA
AL VIASO Un tabaro, una valisa Quanto de tovo drio sta luse grisa? Quatro passi drento un armeron L’ultimo viaso al bianco e ‘l nero la to passion.
                 A Luca
a luca
VOGI Barcuni de la to’ anema. Podè vive oni zorno in quela casa, e perdese drio qui scuri e nansi cassà via i ninbi e puo verse quela porta in sfesa, spostà le cultrine. L’incrosasse del vento e del sielo Licera. Gropo de intimele Perché traverso qui vogi l’amor Ha ‘l color de le stele. Damiano Marchesan ( dei Botuli )
Damiano Marchesan
ETERNIT Anime nella polvere, sogni senza futuro. Cuori da poter fottere, famiglie messe al muro. Ci sono lacrime nella cenere e giustizia senza nome. Dura doverlo ammettere, solo gesso per le sagome. Damiano Marchesan (dei Botuli)